Marco Affatigato – colloquio investigativo 09.07.1993

L’ Affatigato declinava l’offerta di fare il colloquio passeggiando o seduti in un parco o locale pubblico specificatamente che la conversazione avvenisse in struttura dell’Arma per non essere notati. Lo stesso precisava di dover sottostare a numerose cautele poiche’ il Delle Chiaie aveva intenzione di eliminarlo. Sapeva da anni di questa intenzione ma la notizia dell’attuale pericolo gli era stata data dal Falica, quindi estremamente attendibile poiche’ lo stesso aveva contatti sia col Delle Chiaie che col Ballan. Riteneva che la scaturigine delle intenzioni omicidiarie fosse da far risalire alla convinzione che egli avesse affidato a persona di fiducia materiale documentale su Ustica.

Il Falica lo aveva voluto incontrare per chiedergli di fare da relatore per cio’ che si sentiva di riferire allo scrivente. Egli aveva rifiutato poiche’, data l’importanza degli argomenti trattati, era necessario che lo scrivente li recepisse direttamente dal Falica, senza mediatori che in un futuro avrebbero potuto essere smentiti per ragioni di comodo. A questo punto l’Affatigato, sempre estremamente freddo e distaccato, consegnava allo scrivente nr.8 fogli dattiloscritti all’interno di una carpetta gialla. Spiegava che il materiale era relativo agli argomenti che lo scrivente avrebbe potuto affrontare con il Falica, argomenti di importanza straordinaria.

Precisava che il Falica desiderava come garanzia l’anonimato e la non deposizione avanti all’A.G. altrimenti gli avrebbero fatto la pelle. Lo scrivente offriva tale garanzia. A questo punto l’ Affatigato considerava il colloquio terminato, tuttavia lo scrivente lo tratteneva chiedendogli di esporre a voce cio’ che aveva dattiloscritto al fine di evitare incomprensioni. Si attesta che verra’ ora riportato solo quanto detto in più dall’ Affatigato rispetto a cio’ di cui e’ cenno nel dattiloscritto:

-l’ordigno di Piazza Fontana era stato materialmente confezionato da Enzo Siciliano. Chi lo aveva deposto era una persona gia’ condannata per cio’ e poi assolta, l’ Affatigato lasciava chiaramente intendere che si trattava di Giovanni Ventura tuttavia desiderava che il nome fosse pronunciato dal Falica. Il leader del gruppo originante la strage non era affatto Freda ma Pozzan, che era in stretto contatto con i Servizi;

– chiedeva se lo scrivente qualche mese fa aveva contattato il Siciliano, avuta risposta positiva (n.d.r. bluff) spiegava che era proprio come lui aveva immaginato in quanto il Siciliano era sparito dal territorio francese;

– Pozzan fu arrestato per spiata di Delle Chiaie, Spiazzi e Soffiati gli chiesero di vendicare Pozzan uccidendo il Delle Chiaie, quando seppe che questa era l’unica motivazione non dette seguito al progetto;

– Falica avrebbe potuto fornire indicazioni utili anche per Brescia;

– precisava che cio’ che Falica sapeva non era a sua conoscenza per sentito dire;

A specifiche domande rispondeva:
– Soffiati era un agente della C.I.A. tant’e’ che gli aveva presentato un’antenna di quel Servizio;
– Serac era vivo ma non si trovava in territorio francese;
– Serac era chiaramente dietro Piazza Fontana ma non tramite gli operativi stranieri che dipendevano da lui in quanto aveva anche vari Italiani come suoi sottoposti;
– Serac non c’entrava con Bologna. Bologna era stata realizzata materialmente da gente di destra, concepita in Italia da gente di destra collegata ai Servizi ma, con mandante libico. Bologna non era stata fatta ne’ per coprire Ustica ne’ parallela ad essa, era in contrapposizione a Ustica. Americani e francesi si accordano per uccidere Gheddafi, il quale, invece, sopravviveva e veniva a conoscenza della copertura radar e del permesso di sorvolo concesso dall’Italia. Bologna non fa parte della strategia della tensione, e’ una semplice vendetta ed un segnale per far sì che tali fatti non avessero a ripetersi. Gli aerei che hanno buttato giu’ il DC9 non sono partiti dall’Italia ma dalla Francia ed e’ quindi giocoforza che quel Paese non risponderà mai alle richieste del Dr. Priore. L’Affatigato richiedeva per la continuazione del colloquio su Bologna e Ustica che lo scrivente si studiasse i suoi verbali resi al Dr. Priore. Non sapeva se il perito che aveva parlato di bomba fosse un semplice imbecille o stesse depistando;

– se era vero che il suo nome per Ustica lo aveva fatto il Soffiati cio’ significava che questi conosceva il Mannucci l’unico a conoscenza del particolare citato nella famosa telefonata;

– non conosceva ne’ Ciolini ne’ Sinibaldi;

– riteneva importantissima l’affermazione di Falica sulla continuita’ delle strutture deviate dei Servizi, certo non rappresentate dagli operativi: Giannettini, Maletti, Labruna etc.

– accettava di contattare il Graziani ma non di recarsi in Paraguay dove gli avrebbero fatto la pelle, il problema era che Graziani aveva vicino Massagrande;

– non conosceva Gianni Maifredi;

– per sapere se Mannucci era massone bisognava consultare altri elenchi; alla richiesta se alludesse ad elenchi occulti di piduisti casi’ come esistevano per Gladio, l’Affatigato rispondeva affermativamente e sosteneva che dietro a tutto v’era il Gladio (tracciava con il dito in aria la sagoma di un gladio);

– concordava con il progetto di contattare il Tuti, anche perché aveva segnali di una volonta’ di ricostruzione storica, avrebbe bloccato il suo tentativo di fargli arrivare un messaggio tramite il professore di agraria;

– non aveva nessun secondo fine l’appello a Delle Chiaie e non era paragonabile a quello verso Tuti, cio’ significava che lo scrivente aveva letto l’appello ridotto e non il suo originale di 6 pagine. Delle Chiaie era appena accennato e tuttavia lui era certo che il Delle Chiaie era disposto a parlare di episodi minori purche’ niente gli fosse chiesto dei suoi rapporti coi Servizi. Nell’appello aveva menzionato anche Concutelli che era solo un soldato, un mero esecutore di ordini. Gli era stato chiesto di eliminare Buzzi e Palladino e Concutelli aveva obbedito. Cosi’ se gli chiedessero di eliminare lo scrivente nel corso di un colloquio lo tenterebbe senz’altro.

Si fa presente che l’Affatigato affermava di aver riconosciuto lo scrivente e che la descrizione fisica del sottoscritto verosimilmente non gli era stata fatta dal Falica in quanto, nel contatto tra Affatigato e il Tenente Casagrande (N.O. Bologna Sud) antecedente a quello col Falica, gia’ l’Affatigato faceva presente al Tenente di sapere bene chi era lo scrivente.

Lo scrivente non aveva mai visto ne’ conosciuto prima di tale incontro l’Affatigato, e’ quindi chiaro che l’iniziativa in atto, come d’altronde confermato dallo stesso Affatigato, è nota. Si precisa che lo scrivente consegnava all’Affatigato un proprio biglietto da visita. L’Affatigato prima di congedarsi affermava che avrebbe chiamato il Falica alle ore 14.00 per dargli l’ok e combinare l’incontro nel pomeriggio. Il Falica non avrebbe chiamato scrivente ma era il sottoscritto che doveva contattarlo.

Lo scrivente riferiva all’Affatigato che il contatto sarebbe avvenuto alle 14.15. Il sottoscritto, per ragioni di sicurezza, si portava per l’ora concordata nei pressi del locale del Falica per verificare se lo stesso fosse solo o meno, non riuscendo, pero’, a vederlo. Effettuava la telefonata alle 14.45 e, difatti, il Falica non era nel Bar. Il tentativo a casa dava esito positivo, il Falica confermava essere stato contattato dall’Affatigato e che non poteva incontrare lo scrivente prima di mercoledi’ poiché doveva parlare con due persone di Milano.

Annunci

Pierluigi Concutelli – colloquio investigativo 05.02.1993

Nell’ambito di un colloquio in cui venivano espresse specifiche richieste alternate a discussioni relative alla necessità di chiarire definitivamente le responsabilità della destra eversiva nella cosiddetta “strategia della tensione, il Concutelli riferiva quanto segue:

– di essere disposto a fornire chiarimenti su quanto non ancora acclarato e che comunque non coinvolgano persone mai finite in galera perché sarebbe scorretto nei loro confronti. Subito dopo precisava che in fondo si trattava di fatti cosi’ vecchi che, anche se avesse fatto dei nomi, non avrebbe, coinvolto nessuno.

– di aver compreso l’inutilita’ di quanto fatto in passato, di essere oramai di fede radicale, pannelliano convinto, e, quindi, non violento, pur non essendo disposto a porgere cristianamente l’altra guancia se provocato.

– di essere convinto di aver pagato per gli sbagli fatti e di essere ormai prossimo ad uscire mancando solo piu’ 4 anni per potere usufruire dei benefici di legge, di conseguenza affermava di non voler infastidire nessuno ne’ adesso ne’ quando sara’ fuori. Anzi, se una volta libero le condizioni sociali dovessero essere prodromiche di una rivoluzione, la sua risposta ad una eventuale chiamata sarebbe: “Ragazzi ho già dato, dove eravate quando facevo l’idealista per voi?”. Ammetteva che la pecca di questa ricostruzione era il non aver chiesto al “popolo” il parere sui suoi metodi rivoluzionari.

– di ritenere che una perequazione della pena fosse vicina, permettendogli cosi’ di uscire prima dei quattro anni previsti; il suo lavoro sarebbe stato quello di tecnico della forestazione.

– in merito all’omicidio Occorsio sosteneva, in un primo tempo, e come sempre ribadito di fronte alla magistratura, di esserne il responsabile politico ma non l’esecutore materiale, successivamente, chiestogli di non essere in contraddizione con la propria volonta’ di chiudere con il passato, ammetteva di esserne stato anche l’autore materiale. Precisava di aver sparato 2 raffiche di mitra con un caricatore da 32 colpi che, però,ne aveva solo 30 per non affaticare la molla, di aver sparato. quando l’autovettura del magistrato transitava sullo stop ed era quindi piu’ lenta, di aver diretto i colpi dal basso verso l’alto per non fare danni ad altri.
Specificava di non aver utilizzato proiettili espansivi alternati a blindati come detto dai periti, ma solo colpi “full metal jacket” di cui alcuni “scamiciati” dal vetro, traiettoria durante.
Sosteneva di non averlo mai ammesso per non dare alle forze di Polizia informazioni sulla sua Organizzazione e cioe’, in questo caso, dell’identità del politico col militare.
Affermava di aver ucciso il magistrato per la risposta che questi gli diede in una udienza in merito alle sue contestazioni sull’uguaglianza, per tutti, della legge.

– in merito a “Zio Otto” ed alle sue mansioni sosteneva che non aveva mai sentito tale soprannome e che, comunque, nessuno con lui usava tali accortezze, pero’ sapeva che una persona che avrebbe dovuto fornire al suo gruppo armi, e con la quale si era incontrato una sola volta, aveva all’epoca quarant’anni, era veneta, era in grado di costruire le armi da sola comprando le canne in Svizzera dalla Aerlikon (comprava canne da 108 e poi le segava) ed era stata piu’ volte in Spagna. Data l’abilita’ manuale di questa persona, riteneva che lo Zio Otto ed il Carlo fossero la stessa persona.

-affermava che il coinvolgimento del Delle Chiaie con Bologna faceva parte di un depistaggio, che la strage era stata fatta per coprire Ustica venendo decisa da circoli massoni sovranazionali.

– riferiva non credere alle indiscrezioni circa una bomba come causa di Ustica ma, in base alle sue conoscenze tecniche, riteneva si trattasse di un missile aria-aria con ricerca ad infrarossi delle fonti di calore.

– riteneva che il depistaggio dell’esplosivo rinvenuto sul treno fosse stato fatto proprio per far credere ad un matrice governativa deviata esclusivamente nazionale.

– sosteneva di avere molti dubbi sull’individuazione dei colpevoli della strage del 904 poiche’ solo un pazzo utilizzerebbe un detonatore elettrico su di una linea ferroviaria.

-chiedeva di ribadire al Dr. Salvini, del quale dimostrava di avere una grande stima, che la famosa cassa di ananas, era stata presa dal Dr. Improta, e che questo era uno dei motivi per i quali aveva molti dubbi sulle reali possibilità di giungere alla verità, in quanto, probabilmente, lo schifo che li aveva circondati era piu’ grande di quanto non potessero immaginare.

– riteneva molto probabile che il gruppo del poligono di Venezia fosse in mano ai servizi.

-affermava che se veramente volevamo scoprire Bologna dovevamo chiederci il perché dell’innesco chimico e pensare alla vittima sacrificale e non ai presunti individuati autori.

-aggiungeva che se volevamo arrivare a Brescia dovevamo battere sui responsabili e cioè su Ermanno Buzzi e sul Capitano dei Carabinieri Francesco Delfino.

Gelli, Delle Chiaie e Cosa Nostra: estratto sentenza Sistemi Criminali 21.03.2001

Ora, a parere del P.M. sono stati acquisiti sufficienti elementi in ordine alle seguenti circostanze:

  • all’inizio degli anni ’90 venne elaborato, in ambienti esterni alle organizzazioni mafiose ma ad esse legati, un nuovo “progetto politico”, attribuibile ad ambienti della massoneria e della destra eversiva – in particolare – agli indagati Licio Gelli, Stefano Delle Chiaie e Stefano Menicacci;
  • a tal fine, venne messa in atto in quegli anni una complessa attività preparatoria-organizzativa, sul terreno politico, di movimenti meridionalisti finalizzati alla costituzione di un nuovo soggetto politico meridionalista di riferimento, che doveva fungere da catalizzatore delle spinte secessioniste provenienti dal Meridione;
  • in epoca successiva, all’interno di Cosa Nostra, si deliberò di adottare una strategia della tensione finalizzata a ristrutturare i “rapporti con la politica”, attraverso l’azzeramento dei vecchi referenti politici e la creazione delle condizioni più agevoli per l’affermazione di nuovi soggetti politici, che tutelassero più efficacemente gli interessi del sistema criminale;
  • all’interno di tale strategia venne presa in seria considerazione, almeno nella fase iniziale, e prima della sua attuazione, l’opzione secessionista. Non sono, tuttavia, sufficienti per sostenere l’accusa in giudizio gli elementi acquisiti in ordine alla correlazione causale fra tali circostanze. Non è, insomma, sufficientemente provato che l’organizzazione mafiosa deliberò di attuare la “strategia della tensione” per agevolare la realizzazione del progetto politico del gruppo Gelli – Delle Chiaie, né che l’organizzazione mafiosa abbia approvato l’attuazione di un piano eversivo-secessionista per effetto di contatti col gruppo Gelli – Delle Chiaie. Ed è infatti ipotizzabile – allo stato degli atti – anche una spiegazione alternativa: e cioè che il “piano eversivo”, concepito in ambienti “esterni” a Cosa Nostra, sia stato “prospettato” a Cosa Nostra al fine di orientarne le azioni criminali, sfruttandone il momento di “crisi” dei rapporti con la politica e che l’organizzazione mafiosa ne abbia anche subìto – anche temporaneamente – l’influenza, senza però impegnarsi a pieno titolo nel piano eversivo-secessionista. Peraltro, la verifica di tale ipotesi, e cioè dell’eventuale influenza di “soggetti esterni” sulle determinazioni di Cosa Nostra nella fase iniziale della strategia della tensione attuata nel 1992, esula dallo specifico oggetto del presente procedimento, costituendo invece materia del separato procedimento penale concernente l’omicidio dell’on. Salvo Lima, cui si è già fatto cenno.Richiesta di archiviazione del proc. pen. n.2566/98 R.G.N.R. GELLI + 13 pag 148-150