Pierluigi Concutelli – colloquio investigativo 05.02.1993

Nell’ambito di un colloquio in cui venivano espresse specifiche richieste alternate a discussioni relative alla necessità di chiarire definitivamente le responsabilità della destra eversiva nella cosiddetta “strategia della tensione, il Concutelli riferiva quanto segue:

– di essere disposto a fornire chiarimenti su quanto non ancora acclarato e che comunque non coinvolgano persone mai finite in galera perché sarebbe scorretto nei loro confronti. Subito dopo precisava che in fondo si trattava di fatti cosi’ vecchi che, anche se avesse fatto dei nomi, non avrebbe, coinvolto nessuno.

– di aver compreso l’inutilita’ di quanto fatto in passato, di essere oramai di fede radicale, pannelliano convinto, e, quindi, non violento, pur non essendo disposto a porgere cristianamente l’altra guancia se provocato.

– di essere convinto di aver pagato per gli sbagli fatti e di essere ormai prossimo ad uscire mancando solo piu’ 4 anni per potere usufruire dei benefici di legge, di conseguenza affermava di non voler infastidire nessuno ne’ adesso ne’ quando sara’ fuori. Anzi, se una volta libero le condizioni sociali dovessero essere prodromiche di una rivoluzione, la sua risposta ad una eventuale chiamata sarebbe: “Ragazzi ho già dato, dove eravate quando facevo l’idealista per voi?”. Ammetteva che la pecca di questa ricostruzione era il non aver chiesto al “popolo” il parere sui suoi metodi rivoluzionari.

– di ritenere che una perequazione della pena fosse vicina, permettendogli cosi’ di uscire prima dei quattro anni previsti; il suo lavoro sarebbe stato quello di tecnico della forestazione.

– in merito all’omicidio Occorsio sosteneva, in un primo tempo, e come sempre ribadito di fronte alla magistratura, di esserne il responsabile politico ma non l’esecutore materiale, successivamente, chiestogli di non essere in contraddizione con la propria volonta’ di chiudere con il passato, ammetteva di esserne stato anche l’autore materiale. Precisava di aver sparato 2 raffiche di mitra con un caricatore da 32 colpi che, però,ne aveva solo 30 per non affaticare la molla, di aver sparato. quando l’autovettura del magistrato transitava sullo stop ed era quindi piu’ lenta, di aver diretto i colpi dal basso verso l’alto per non fare danni ad altri.
Specificava di non aver utilizzato proiettili espansivi alternati a blindati come detto dai periti, ma solo colpi “full metal jacket” di cui alcuni “scamiciati” dal vetro, traiettoria durante.
Sosteneva di non averlo mai ammesso per non dare alle forze di Polizia informazioni sulla sua Organizzazione e cioe’, in questo caso, dell’identità del politico col militare.
Affermava di aver ucciso il magistrato per la risposta che questi gli diede in una udienza in merito alle sue contestazioni sull’uguaglianza, per tutti, della legge.

– in merito a “Zio Otto” ed alle sue mansioni sosteneva che non aveva mai sentito tale soprannome e che, comunque, nessuno con lui usava tali accortezze, pero’ sapeva che una persona che avrebbe dovuto fornire al suo gruppo armi, e con la quale si era incontrato una sola volta, aveva all’epoca quarant’anni, era veneta, era in grado di costruire le armi da sola comprando le canne in Svizzera dalla Aerlikon (comprava canne da 108 e poi le segava) ed era stata piu’ volte in Spagna. Data l’abilita’ manuale di questa persona, riteneva che lo Zio Otto ed il Carlo fossero la stessa persona.

-affermava che il coinvolgimento del Delle Chiaie con Bologna faceva parte di un depistaggio, che la strage era stata fatta per coprire Ustica venendo decisa da circoli massoni sovranazionali.

– riferiva non credere alle indiscrezioni circa una bomba come causa di Ustica ma, in base alle sue conoscenze tecniche, riteneva si trattasse di un missile aria-aria con ricerca ad infrarossi delle fonti di calore.

– riteneva che il depistaggio dell’esplosivo rinvenuto sul treno fosse stato fatto proprio per far credere ad un matrice governativa deviata esclusivamente nazionale.

– sosteneva di avere molti dubbi sull’individuazione dei colpevoli della strage del 904 poiche’ solo un pazzo utilizzerebbe un detonatore elettrico su di una linea ferroviaria.

-chiedeva di ribadire al Dr. Salvini, del quale dimostrava di avere una grande stima, che la famosa cassa di ananas, era stata presa dal Dr. Improta, e che questo era uno dei motivi per i quali aveva molti dubbi sulle reali possibilità di giungere alla verità, in quanto, probabilmente, lo schifo che li aveva circondati era piu’ grande di quanto non potessero immaginare.

– riteneva molto probabile che il gruppo del poligono di Venezia fosse in mano ai servizi.

-affermava che se veramente volevamo scoprire Bologna dovevamo chiederci il perché dell’innesco chimico e pensare alla vittima sacrificale e non ai presunti individuati autori.

-aggiungeva che se volevamo arrivare a Brescia dovevamo battere sui responsabili e cioè su Ermanno Buzzi e sul Capitano dei Carabinieri Francesco Delfino.

Annunci