Mario Rossi – dichiarazioni 21.12.1982

(…) io ho frequentato molto Piazza Bologna, e lì c’erano individui di O.N. e A.N. o di Europa Civiltà e comunque giovani che appartenevano alla destra extra-parlamentare. C’erano forti divisioni tra noi, e così per esempio la componente umana di Avanguardia Nazionale sfotteva noi del M.S.I. e noi a nostra volta sfottevamo loro perché quelli di Avanguardia Nazionale dimostravano troppo irregimentazione in una scala gerarchica di tipo fascista vecchio modello. Comunque, poi era­vamo individui che ci ritrovavamo tutti in piazza.

Alla base però ci chiedevamo quale fosse la ragione delle tante suddivisioni, perché vedevamo che tra noi l’accordo lo trovavamo facilmente. Ricordo che una volta io e un altro con lo spray facevamo delle scritte sui muri e firmammo Unità Rivoluzionaria, disegnando insieme l’ascia bipenne di O.N. e la runa di A.N

Io non ho partecipato alla riunione fra A.N. e O.N. relativa alla fusione di tali gruppi, ma un bel giorno mi fu detto che i due gruppi si erano riuniti e che eravamo tutti una grande famiglia. Ricordo che facemmo volantinaggi insieme, attaccammo manifesti, e qualche manifestazione di piazza, mi pare a Latina.

Io sono andato anche qualche volta a via Cernaia, ov’era la sede di A.N.. Poi ricordo che vi fu il processo contro quelli di Avanguardia Nazionale, e io ho fatto dormire per qualche notte nella sede della sezione M.S.I. di Piazza Bologna dei giovani di Avanguardia, che erano ricercati. Ricordo che durante il processo contro quelli di A.N. facemmo dei manifesti di soli­darietà, che valevano come atto di presenza dall’esterno per quelli che erano stati arrestati.

 

Annunci