Lettera del generale Miceli al ministro della Difesa Andreotti 04.10.1974

Roma 4 ottobre 1974,

Al signor ministro della Difesa e, per conoscenza:
Al signor Presidente del Consiglio
Al signor capo di Stato Maggiore della Difesa
Al signor capo di Stato Maggiore dell’Esercito

Mi riferisco ai seguenti elementi che caratterizzano l’attuale atteggiamento della stampa:
– Pubblicazione di notizie tendenziose riguardanti l’opera da me svolta quale capo del Sid;
– Strumentalizzazioni in ordine al mio mancato trasferimento a Milano;
– Diffusione di dati informativi classificati, la cui validità è ancora da accertare.

In tale situazione, Le chiedo, signor ministro, di attuare quanto riterrà opportuno per un chiarimento ufficiale, oppure di sciogliermi dal vincolo del segreto (previa autorizzazione del signor Presidente del Consiglio), affinché io abbia la possibilità di far conoscere l’attività svolta nei delicati incarichi ricoperti, i procedimenti tecnici seguiti ed i risultati.
Ciò anche per tutelare il mio onore di militare e salvaguardare, in relazione a taluni aspetti, il prestigio delle Forze Armate.
Come noto alle autorità dello stato, durante i sette anni di servizio prestato ininterrottamente, prima quale capo del Sios-esercito (1967-1970) e successivamente quale capo del Sid (1970-1974), ho sempre esercitato azione aderente al superiore interesse del paese e delle forze armate

Il Generale di C.A.

Vito Miceli

Annunci