Licio Gelli querela la Rai 29.04.1977

Al Signor Procuratone della Repubblica di Roma,

Il sottoscritto Gelli Licio, nato a Pistoia il 21 Aprile 1919, residente ad Arezzo a Via S.Maria delle Grazie 14, espone quanto segue: in data 3 Febbraio 1977, alle ore 20 circa, il telegiornale del secondo canale della RAI (Radio Televisione Italiana) TG/2, durante una intervista resa dall’Ingegnere Francesco Siniscalchi residente a Roma in Via Giuseppe Montanelli n. 4, Intervista condotta dal giornalista televisivo, Edoardo Osser, esponeva che lo scrivente, sarebbe stato il promotore e fautore e, comunque, persona coinvolta in un colpo di Stato, “golpe” che si sarebbe dovuto realizzare attorno all’anno 1970 ed altre consimili diffamatorie affermazioni. Ritenute che la trasmissione predetta sia lesiva del1’onore dello scrivente con offesa alla reputazione recata a mezzo della televisione, si chiede che l’Autorità Giudiziaria acquisisca copia, integrale della trasmissione .”de quo” al fine di valutarne il contenuto.

Ciò premesso, lo scrivente propone formale querela per il delitto di diffamazione pluriaggravata ai dell’art. 595 C.P. contro:
SINISCALCHI-FRANCESCO residente a Roma Via Giuseppe Montanelli 4;
EDOARDO OSSER, giornalista della RAI, 2° canale c/o Sede RAI, Via Teulada -Roma;
ANDREA BARBATO, direttore Respon­sabile del Telegiornale del 2° Canale presso la Sede RAI Via Teulada -Roma.

Chiede la punizione dei colpevoli, concede ogni fa­coltà di prova, chiede la riparazione pecuniaria ed il risarcimento dei danni per i quali fa riserva di quantificazione riservandosi altresì la costituzio­ne di parte civile.

Arezzo 29 Aprile 1977

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in P2 e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.