Giorgio Cozi – dichiarazioni 29.08.1983

La mia esperienza politica negli ambienti della destra si e’ conclusa nel 1976, e quindi dei fatti verificatisi dopo tale data non sono in grado di fornire informazioni. Io sono stato a suo tempo amico di Graziani Clemente che ho anche aiutato quando era latitante in Grecia, quando parlo di aiuto mi riferisco a piccole collette in danaro da me organizzate nell’ambiente dei commercianti che frequentavo nella mia qualita’ di rappresentante di elettrodomestici, attivita’ che ho svolto fino al 1964.

In particolare posso riferire che Graziani, quando andai a trovarlo in Grecia, mi affido’ il compito di individuare chi in Italia si presentava abusivamente o veniva presentato come lui stesso; l’ incarico di indagini lo ricevemmo io e Pugliese, ma non venimmo a capo di nulla anche perche’ io non detti molto peso a quando diceva il Graziani che consideravo una persona non sempre attendibile. Invece nell’ 1982 nel corso delle indagini condotte dal GI di Firenze dr Minna indirettamente appresi che effettivamente esisteva una persona che si era spacciata per Graziani Clemente. Posso anche riferire che una costante preoccupazione di Graziani era quella di ottenere da Signorelli Paolo la pubblicazione di un bollettino clandestino di informazioni che tenesse in vita il nome di ON (Ordine Nuovo).
Lo scopo stesso della riunione di Cattolica del 1974 o almeno uno degli scopi fu quello di trovare un modo di essere di ON (Ordine Nuovo) dopo la sentenza di scioglimento.

Per quanto io abbia insistito con il Signorelli non riuscii mai ad ottenere da lui la pubblicazione del bollettino che pure era stata piu’ volte richiesta dal Graziani.

A parte questi trascorsi debbo ribadire che non ho alcuna idea su chi possa essere stato l’ autore della strage alla stazione di bologna e che anche Pugliese Giuseppe, ritiratosi anche lui nel 1977 da ogni attivita’ politica, non aveva alcuna idea precisa in proposito. Si e’ parlato con lui genericamente della cosa e si propendeva per l’ ipotesi di un “incidente di trasporto” da parte dei terroristi.

Letto confermato e sottoscritto.­

Annunci