Leonardo Messina – dichiarazioni 04.12.1992 in commissione parlamentare antimafia

(…)
Presidente: sapeva che Sindona era massone?
Messina: Sì.
Presidente: Che era iscritto alla loggia P2?
Messina: Questo l’ho saputo dai giornali. A me dicono “massone” non l’appartenenza.
(…)
Presidente: Ha mai sentito parlare di una specie di patto fra mafia e massoneria alla fine degli anni Settanta, per cui si decise che i mafiosi importanti avrebbero potuto entrare nella massoneria?
Messina: No, non ne ho mai sentito parlare. Ci sono stati tempi nella mia vita – ero un ragazzo – nei quali abbiamo controllato alcuni obiettivi da assaltare. Aspettavamo un ordine perché dovevamo assaltare la caserma dei carabinieri e altri uffici.
Presidente: Quando?
Messina: Avevo circa 16 anni.
Presidente: Quando è nato?
Messina: Sono nato nel 1955.
Presidente: Quindi intorno al 1971?
Messina: Sì, 1970-1971.
Presidente: Sono i tempi del golpe BORGHESE?
Messina: Sì.
Presidente: Avete avuto ordine di fare questi assalti?
Messina: Eravamo pronti ad assaltare caserme e prefetture, municipi e tutto.
Presidente: Chi aveva dato quest’ordine?
Messina: Noi  prendevamo ordini dal vecchio CALI’ di San Cataldo. Eravamo circa 20 giovani, uomini d’onore ed avvicinati, i figli del CALI’ ed io ero il nipote.
Presidente: Una volta assaltati quegli obiettivi, cosa dovevate fare?
Messina: Aspettavamo già da giorni l’ordine di occupare che poi non è arrivato.
Presidente: Perché non è arrivato?
Messina: Non avevo  titolo per farmelo spiegare. Sapevamo di dover controllare, avevamo pronti i mezzi e le armi, eravamo a disposizione, seduti.
Presidente: Quella fu l’unica volta o è successo in altre occasioni?
Messina: E’ successo in due occasioni.
Presidente: Può dire quale fu l’altra?
Messina:   Intorno alla fine del 1973 avevamo l’ordine di assaltare soltanto la caserma.
Presidente: Fine del 1973 o 1974?
Messina: Fine 1973  1974.
Presidente: Cioè, fine del 1973 e inizi del 1974?
Messina:Già ero diciottenne. Purtroppo la mia pecca è di non ricordare le date precise.
Presidente:Faceva caldo o freddo?
Messina: Una volta mi hanno chiesto se c’era luce o il buio”. Comunque, penso fosse novembre, alla fine dell’autunno.
Presidente: Questi contatti tra Cosa nostra e la massoneria si limitano alla Sicilia oppure no?
Messina: No, non si limitano alla Sicilia. Ho detto che a Cosa nostra sta stretta la Sicilia
Presidente: Quindi questi rapporti sono anche in altre regioni?
Messina: Sì.
Presidente: Le uniche cose che lei sa del tentativo di colpo di Stato del 1970 sono che stavate ad aspettare un ordine che non è arrivato?
Messina: Sì. C’erano altri due o tre ragazzi giovanissimi, poi gli altri erano gli uomini d’onore e gli avvicinati.

http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/DF/170776.pdf