Maurizio Del Dottore – dichiarazioni 31.12.1983

Mi trovo qui in carcere a pisa, dopo due trasferimenti: da Montepulciano a Grosseto e da Grosseto qui a Pisa. Ho avuto modo di riflettere sull’ invito, da lei e dal dr Vigna rivoltomi in occasione del verbale fatto a Montepulciano, a fornire un contributo di verità nell’istruttoria relativa agli attentati alle linee ferroviarie che loro hanno in corso.

– il Pm mi rinnova detto invito, diffusamente, sottolineando anche il fatto che nei miei confronti non vi sono elementi di verità, bensi’ so che si ritiene da parte dell’ ufficio, alla luce anche delle dichiarazioni da me rese nel procedimento penale svoltosi avanti alla Corte di Assise di Bologna per la strage al treno Italicus, che io sia in grado di fornire elementi comunque utili per l’ istruttoria.
Si da’ anche lettura delle parti iniziali della mia deposizione fatta in Corte di Assise a Bologna in data 07.07.82.

– prendo atto di quanto mi si fa rilevare. Debbo anche dire che già avevo riflettuto sull’ invito rivoltomi in data 15.09.83, invito che incontra ora la mia disponibilità a dire quanto so nell’ intento di fornire un contributo di cui non so valutare l’importanza ma che comunque intendo parlare.Intendo quindi riferire della mia vicenda personale, delle conoscenze che ho fatto negli ambienti della destra, ambienti principalmente nell’ aretino in quanto ho sempre lì vissuto.
Diro’ anche quanto so’ dei percorsi politici di questi ambienti e delle persone che ad essi facevano capo. Diro’ anche le altre cose che, compatibilmente con i miei ricordi (si tratta di fatti e personaggi che si collocano in anni lontani), mi verranno in mente o mi saranno suscitati dalle domande che mi saranno rivolte.

L’ufficio rinvia la prosecuzione dell’ esame ad altra data da fissarsi, non potendo proseguire il presente verbale per altre esigenze di ufficio.

Il Del Dottore aggiunge:
– mi trovo qui a Pisa in un carcere che, anche per una aggressione che corsi qui in occasione di una mia recente detenzione, reputo non adeguato alle mie esigenze di sicurezza. Preferirei essere trasferito ad altro istituto, le segnalo che al carcere di Montepulciano ritengo vi fossero tutte le condizioni per una detenzione priva di pericoli per la mia incolumità.

Letto confermato sottoscritto.­

Annunci