Vincenzo Vinciguerra dichiarazioni su Guerin Serac 23.09.1992

”….il primo appartamento in cui abitai quando, nell’estate del 1974, arrivai a Madrid provenendo da Barcellona, era quello di Avenida Manzanarre, cui ho già accennato, quello appunto vicino al fiume.
E’ qui che fu ospitato per alcuni mesi GUERIN SERAC dopo la caduta del regime di Caetano. SERAC andò poi a vivere con la moglie in una villetta all’estrema periferia di Madrid.
Credo che questo appartamento fosse regolarmente affittato nell’ambito del mercato immobiliare. Qui ha abitato anche Mario RICCI e anche DELLE CHIAIE nei periodi in cui era a Madrid. Era un appartamento che era una sorta di prima accoglienza ed era l’unico che possedevamo in quel momento.
Partii da Madrid nel settembre del 1975 e quando tornai, nel giugno del 1976, c’era un secondo appartamento nella zona centrale di Madrid. Poi questo appartamento fu lasciato e si creò la disponibilità di due appartamenti. Uno era affittato regolarmente e sostanzialmente per abitarci, mentre l’altro, quello che ci fu procurato da EDUARDO, come ho già accennato, ci era stato appunto procurato dai Servizi Speciali spagnoli ed era “coperto”.
Contestualmente alla disponibilità di questo appartamento “coperto”, i Servizi Speciali costituirono un fondo per il sostegno dei latitanti italiani che veniva amministrato da Stefano DELLE CHIAIE.
In sostanza, a ciascuno veniva passata mensilmente una somma per le spese personali che si aggirava sulle 7.000 pesetas.
In quest’ultimo appartamento potevano andare solo un numero limitato di persone autorizzate, tra cui oltre me, degli italiani, Mario RICCI e Giuseppe CALZONA. Con le persone non autorizzate non si poteva nemmeno parlare dell’esistenza di questo appartamento.
Preciso quindi che quando si discusse degli episodi che mi vengono contestati nel presente interrogatorio, cioè quelli contro gli obiettivi algerini, eravamo ancora nell’ appartamento di Avenida Manzanarre”

Annunci