L’appunto anonimo ricevuto dal dr Violante

L’appunto anonimo in questione è stato ricevuto dal dr Violante, poi inoltrato per richiesta di accertamenti alla Questura di Arezzo il 18 marzo 1975. Viene rinvenuta copia il 17 marzo 1981 a Castiglion Fibocchi, durante l’operazione di sequestro effettuata presso la « Giole». Gelli lo custodiva nella sua cartella « fascicolo personale – riservata».

Gelli Licio – Dirigente della “Lebole” di alta società che svolge attività industriale e commerciale è ex Volontario in Spagna e ex Repubblichino, sembra collegato fin dal momento della Liberazione di Pistoia ove resiedeva con i servizi di informazioni alleati. Attualmente residente ad Arezzo,possiede un’auto targata Corpo Diplomatico in”quanto Console d’Argentina, sembra in rapporti con i servizi di informazione degli Stati Uniti d’America. Risiede ad Arezzo ove possiede una villa ed è persona al centro di ampi contatti con ambienti massonici di vario orientamento, ed i in buoni rapporti con il Comandante Generale della Guardia di Finanza Generale Giudice e frequenta la sua abitazione l’aiutante di campo del Generale Giudice il tenente Colonnello Trisolini. Il Gelli è suocero del Sostituto Procuratore Marsili che conduce l’indagine sulla cellula eversiva fascista che opera ad Arezzo e che emise l’ordine di cattura per il Tuti e per altri (colui che uccise i 2 Carabinieri ad Empoli), sembra su sollecitazione del Procuratore Generale della Repubblica Calamari. Il Gelli sembra inoltre collegato al gruppo Sogno e ad altri ambienti che fanno capo all’ex Procuratore Generale Spagnuolo oltre che ambienti finanziari internazionali. Risulta con certezza che 15 giorni orsono aveva nella propria abitazione numerose armi da guerra.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in P2. Contrassegna il permalink.