Amedeo Orlandini dichiarazioni 05.07.1991

“L’episodio saliente fu la visita allo studio dell’avv. De Marchi a Recco presso cui io mi recai al seguito di RAMPAZZO e accompagnato dal mio amico Tenerelli. In quell’occasione Rampazzo sollecitò all’avv. De Marchi il finanziamento di parecchi milioni e De Marchi disse che al momento non poteva dare niente. Confermo che durante la discussione tra De Marchi e Rampazzo, De Marchi disse a Rampazzo che non intendeva più finanziare persone come lui che erano circondate da persone incompetenti e incapaci come AZZI che si era fatto scoppiare l’ordigno fra le cosce. Ricordo queste parole esatte. Dal tenore del discorso si comprendeva che De Marchi si poneva come finanziatore e Rampazzo invece come un coordinatore e organizzatore dei vari gruppi…

Posso confermare le altre dichiarazioni ed in particolare che al largo di La Spezia ci doveva essere una nave di appoggio con una grossa trasmittente che doveva essere in collegamento con i vari gruppi e che c’era un progetto di intervento con l’aiuto di militari e con la data già fissata di lì a breve. Confermo anche che De Marchi aveva una lista di avversai politici da eliminare e che soprattutto l’esponente che Rampazzo e De Marchi nominavano era l’onorevole MARIANO RUMOR. Confermo anche che Rampazzo mi disse che aveva collegamenti con la Valtellina”

Annunci