La relazione di Guido Giannettini sul Golpe Borghese – prima parte

Anche la relazione sul golpe Borghese consegnata nel 1973 da Guido Giannettini, collaboratore ed informatore del S.I.D., al capitano Labruna e trasmessa ai responsabili del reparto D, è stata epurata dal gen. Maletti con la distruzione della nota aggiunta che conteneva i riferimenti ad un alto Ufficiale quale l’Ammiraglio Giovanni TORRISI, divenuto in seguito, anche grazie a tale salvataggio, Capo di Stato Maggiore della Difesa.
Di tale relazione ha parlato per primo il capitano Antonio LABRUNA nella sua deposizione in data 24.1.1990 al G.I. di Venezia dr. Carlo
Mastelloni:
“Nel corso dello svolgimento della fase dibattimentale (del processo per la strage di Piazza Fontana) Maletti, dopo aver attestato in udienza
l’esistenza della relazione di Giannettini agli atti del reparto D, mi chiese di riferire il falso alla Corte d’Assise e cioè che io avrei dovuto dire che non ricordavo dove avevo riposto la relazione da lui riconsegnatami. In tale relazione figurava che l’Amm. Torrisi, all’epoca candidato alla carica di Capo di Stato Maggiore della Difesa, aveva partecipato a riunioni segrete per la preparazione del golpe unitamente al dr. Drago, medico presso il Ministero dell’Interno, nonchè con i vertici di Avanguardia Nazionale.
Aggiungo che queste circostanze erano contenute in un appunto allegato alla relazione e che io non rinvenni nell’originale della stessa relazione poi riconsegnatami da Maletti dopo l’interrogatorio da lui sostenuto e prima di quello sostenuto da me…. La circostanza delle pressioni da me subite dal gen. Maletti durante il processo di Catanzaro risulta da un appunto vergato a mano dal gen. Maletti e che io in originale consegnai nel 1981 al Pubblico Ministero…. a questo punto produco copia della relazione battuta a macchina da Giannetttini su carta gialla : l’originale l’ho prodotto al P.M. di Roma recentemente…. Nel luglio del 1977 o 1978 Maletti mi disse che Torrisi doveva diventare Capo di Stato Maggiore e che non avrei dovuto parlare dell’appunto riguardante Torrisi…ovviamente neanche Torrisi fu denunciato alla Procura di Roma nel rapporto sul golpe Borghese”.

Il capitano Labruna, in data 7.2.1990, dinanzi allo stesso G.I. di Venezia, ha confermato la sparizione della nota aggiunta alla relazione di Giannettini che conteneva i riferimenti all’Ammiraglio Torrisi ed ha confermato altresì l’assoluto segreto richiesto dal gen. Maletti su tale
circostanza:
“Io temevo la conseguenza del fatto che si era deciso, da parte di Maletti e Romagnoli, di dare una impostazione al rapporto finale diversa dal reale contenuto delle rivelazioni di Orlandini, di cui alle bobine nonchè dalle risultanze della relazione, da me redatta in copia, di Giannettini, risalente al 1973, relazione che ricevetti io dalle mani dello stesso a Roma, corredata da un appunto sulle attivazioni del TORRISI circa il golpe, appunto che io rividi con la relazione nel 1977, esibitami dal Maletti, priva però dell’allegato appunto.
In tale circostanza MALETTI mi disse di non produrre la relazione Giannettini alla Corte d’Assise di Catanzaro e di non parlare del TORRISI “che dovrà diventare Capo di Stato maggiore della Difesa”. Tale incontro è inquadrabile temporalmente nell’intervallo tra l’interrogatorio di Maletti ed il mio, sostenuto dopo una settimana.” (cfr. dep. cit., 7.2.1990).
“Maletti al processo riferì genericamente dell’esistenza di una relazione e disse che l’aveva affidata a me. Io quindi dovetti rispondere alla Corte che pur ricordando la relazione, non ricordavo dove l’avevo riposta e mai perciò si parlò di un appunto ad hoc su TORRISI.” (cfr. dep. cit. 24.1.1990).

Sentenza ordinanza G.I. Salvini 1995

Annunci