Giorgio Cozi e Claudio Pera – Verbale di confronto 11.02.1985

Verbale di confronto datato 11.02.1985, reso al dr Minna, presente il pm dr Chelazzi, nei locali della Digos di Firenze, da:

-Cozi Giorgio e

-Pera Claudio, gia’ in atti generalizzati.

Cozi: t’ho visto a Roma con Tomei fuori dal cinema dove lavora la moglie di Pugliese e poi t’ho rivisto a Lucca quando con me c’era Cesaretti e tu eri venuto con Tomei per una rapina.

Pera: io non t’ho mai visto; quando sarebbero avvenuti questi incontri?

Cozi: non mi ricordo di preciso ma deve essere stato a marzo 1975;

Pera: non è vero perché nel marzo 1975 Tomei era già in Corsica;

Cozi: dici che non t’ho mai visto e io come faccio a sapere che tu sei parente dei sindaci?

Pera: è venuto sul giornale;

Cozi: sei venuto con la giardinetta di Tomei che puzzava di olio. Come fai a non ricordarti di me che ho questa brutta cicatrice?

Poi io venni a Pisa con Pugliese a portare il documento falso per Affatigato, andammo a casa dell’ amica di Tomei che ci lascio’ soli per andare non so dove e tornando con Affatigato.

Pera: ti sbagli, io venni a casa della Saltini Mirella ma tu non c’eri.

Cozi: sul documento falso di Affatigato avevamo scritto Ricci Mario. Anzi l’ha scritto Affatigato e il nome era quello di uno che lavora con me alla assicurazione a Perugia.

Pera: si, c’era scritto Ricci ma il resto non lo ricordo.

Cozi: non ti ricordi di me? Hai una faccia ….

Pera: ognuno ha la sua;

Cozi: la rapina non l’abbiamo fatta perche’ a te il primo non interessava tanto- io volevo sapere della riunione con Graziani e ti chiesi: c’era Lello? Come era fatto? Parlava romanesco? E tu mi rispondesti – che era normale.

Pera: io non ho mai visto Graziani – non t’ho mai detto che era normale.

Cozi: allora era sbagliata l’informazione.

Pera: qui si parla di informazioni e io non voglio piu’ continuare;

Cozi: non ti mettere nei guai – non credo che tu hai fatto niente di grosso – aiuta la legge;

 Letto confermato e sottoscritto­

Annunci