Italicus (Cauchi e massoni)

(…) Come si è visto, fra le carte sequestrate a Delle Chiaie, vi sono alcuni scritti che hanno lo scopo di ricostruire, dal punto di vista e con gli scopi già detti, la strategia delle stragi e di impostare le proprie difese nei diversi processi.
In particolare, c’è un quaderno a quadretti in cui, nel primo foglio, Delle Chiaie riepiloga i propri movimenti dal 1970 al 1982 (lasciando un vuoto vistoso nell’estate autunno 1980).

cauchi233

Seguono poi notazioni sintetiche su alcuni processi (es. il processo per l’omicidio Occorsio) e su alcune stragi (Piazza Fontana, Italicus, Bologna) per le quali Delle Chiaie era imputato, nonché appunti su questioni specifiche riguardanti i processi ecc.
Si tratta di annotazioni, grezze, fatte evidentemente per se stesso in preparazione di testi più completi o come promemoria per certe situazioni.
In taluni casi sono indicate le linee di difesa da seguire. Vi è poi una parte, sul rovescio del quaderno, in cui viene fatta una periodizzazione degli anni che vanno dal 1952 al 1983 intitolata: “Traccia dei tempi della (?) del movimento tra il 53-83”.
Al sesto periodo (1970-1977) si trova la notazione:

“L’anno della provocazione (74)! … illeggibile
Italicus (Gauchi e massoni)
– L’industriale di Milano, Degli Innocenti-La Bruna-i mandanti (?) del 74”.

E’ evidente l’associazione del nome di Cauchi all’attentato dell’Italicus e a non meglio precisati massoni. Che valore ha questa notazione?
Certo, letta unitamente al commento che ne farà Vinciguerra e a molteplici altri elementi a carico del Cauchi, costituisce un elemento indiziante particolarmente significativo, sia perché proveniente da Delle Chiaie (il quale va qui ricordato aveva ben conosciuto Augusto Cauchi e l’aveva frequentato durante la sua latitanza), sia perché inserita in uno scritto evidentemente utilizzato solo come scaletta, come minuta, perciò non destinato ad alcuna divulgazione.
Sembra evidente che Delle Chiaie associ l’Italicus a Cauchi e alla massoneria. E in cosa può consistere questa associazione se non in un’attribuzione di responsabilità ai due soggetti posti tra parentesi a lato del nome del treno fatto esplodere?
Detta indicazione è rilevantissima anche perché il Cauchi non è mai stato imputato nel processo per l’Italicus, sicché essa non può rappresentare la constatazione di una situazione processuale: evidentemente, invece, si riferisce ad elementi appresi dal Delle Chiaie al di fuori delle emergenze processuali.

Sentenza ordinanza Italicus bis pag 81-82

Annunci