DichiarazionI Vincenzo Vinciguerra 9.11.1990

“… Interrogato in merito alla struttura denominata “Gladio”, dichiaro che sei anni fa ho fatto una serie di nomi di persone collegate con i Servizi Segreti e mi riporto a quel verbale, aggiungo poi che vi sono state numerose teorizzazioni, fra le quali ricordo quella del generale Carlo Jean e quella del convegno Pollio, in forza delle quali si prefiggevano forme di guerra totale. Intendo totale nel senso riguardante non solo una componente militare, ma anche una componente politica e una componente civile da utilizzare in strutture adeguate a portare avanti tale tipo di guerra. Ricordo che Rauti, da me citato a pag. 152 del mio libro, sottolinea la necessità di fronteggiare forme di infiltrazione non violenta del comunismo nei gangli dello Stato. Aggiungo poi che parlando di “guerra totale” intendo far riferimento all’idea di “guerra non ortodossa” ben chiarita a pag 156 del mio libro, ove cito un passo di Ivan Matteo Lombardo.
Aggiungo poi che i Servizi nell’impegnarsi in tale tipo di guerra si avvalgono di molte strutture, ovvero di una unica struttura suddivisa in più sottostrutture. Le persone che ho menzionato sei anni fa, fra le quali ricordo esservi Delfo Zorzi, Marcello Soffiati, Carlo Maria Maggi, Fachini, Enzo Maria Dantini e Rauti, facevano certamente parte di una di queste strutture.
Richiamo poi l’attenzione su tale Arnaldo Ronchini, da me menzionato nel libro, anch’egli appartenente a strutture di quel tipo. Ad esempio Delfo Zorzi aveva tutte le caratteristiche indicate da Spiazzi per entrare in una struttura segretissima delle Forze Armate… Delfo Zorzi parlando con me ammise contatti con un altissimo funzionario del Ministero degli Interni…”

Dichiarazioni Vincenzo Vinciguerra al G.I. Grassi 9.11.1990