Dichiarazioni Giovanni Rossi – G.I. Vella sentenza ordinanza Italicus

“Molti democristiani si accostarono al movimento sociale perché insoddisfatti della linea politica del partito di provenienza. Tra questi vi fu anche il Franci che io ricordo di aver conosciuto verso la fine del ’72 ad una cena a cui entrambi partecipammo ed in occasione della quale successivamente vi fu una rissa con alcuni appartenenti al partito comunista… ritengo però che il Franci sia rimasto deluso anche dalla adesione al Movimento Sociale, poiché anche tale partito svolgeva un’attività politica non coincidente con le sue aspettative, tant’è che il Franci successivamente s’è avvicinato ad un gruppo di giovani che aderivano alla formazione di Ordine Nuovo e che avevano già militato nel MSI.
I giovani che costituivano il gruppo di Ordine Nuovo di Arezzo, tra cui il Cauchi, il Batani, il Franci, tal Greguol, il Brogi, si riunivano abitualmente presso l’ufficio dell’Albiani. E’ vero che io ho tentato di convincere tali giovani a recedere dalla linea politica che avevano iniziato a battere con l’adesione al movimento Ordine Nuovo, per farli rientrare tutti nel Movimento Sociale, dal quale peraltro non si erano completamente distaccati, anche se non ricoprivano più ruoli determinanti nella sua organizzazione… La reazione del gruppo di ordinovisti al mio tentativo di riportarli nell’alveo del MSI inizialmente penso fosse positiva. (…) Il Franci mi disse che aveva conosciuto il Tuti in occasione di una manifestazione politica del MSI. Ripeto il Franci (quale accompagnatore del federale del MSI di Arezzo partecipava a tutte le manifestazioni politiche che si svolgevano anche fuori della provincia di Arezzo”.

Annunci