L’agenda di Ermanno Buzzi

Il 29.9.1994 l’avv. Aldo TEDESCHI, già difensore di BUZZI, ha consegnato ai C.C. del R.O.S. un’agenda tascabile con copertina bleu, relativa all’anno 1974, mancante, tuttavia, di alcune pagine. Il legale ha riferito di aver ricevuto il documento dal BUZZI nel 1981, poco prima che questi venisse trasferito presso il carcere di Novara, dove è stato ucciso.
L’agenda in questione , come si vedrà, è ricca di nomi e di riferimenti di rilievo , che rivalutano la figura del BUZZI sotto il profilo criminale, nel senso che dimostrano che il predetto, attorno al quale si è cercato spesso di cucire un’immagine di delinquente comune di bassa lega , dedito più che altro ai furti di opere d’arte, mitomane e pederasta, privo in ogni caso di una caratura criminale tale da poter essere coinvolto in un fatto così grave come quello per il quale si procede, in realtà aveva conoscenze e rapporti non comuni, certamente compatibili con un suo coinvolgimento ad alto livello in fatti di natura eversiva.
L’agenda è stata trasmessa al S.I.S.MI , che individuato 104 nominativi presumibilmente italiani, 20 nominativi presumibilmente stranieri, 7 nominativi di personale del Servizio Italiano e 78 persone giuridiche quali Enti, Associazioni, gruppi etc.
Se le annotazioni sono state inserite non “ad arte” , ma in quanto implicanti un rapporto con la persona o l’Ente indicato , dobbiamo concludere che il BUZZI ha avuto rapporti, o si riprometteva di avere rapporti, di un certo rilievo, che lo inquadrano come un soggetto ordinovista , o comunque contiguo agli ordinovisti, in contatto con soggetti dei servizi ed organizzazioni agenti all’estero.
Si elencano, qui di seguito, alcuni soggetti ed enti che sono stati annotati sull’agenda:
il Ten. Col. Amos SPIAZZI, dell’Ufficio I di Montorio (25 marzo);
Elio MASSAGRANDE (noto ordinovista) e Mauro COLLI (coinvolto nel MAR) (17 aprile);
FUMAGALLI, visto che si cita Via POGGI 14 di Milano (17 aprile);
Marco AFFATIGATO e Augusto CAUCHI (21 aprile);
Salvatore FRANCIA (30 aprile);
l’Aginter Presse (2 giugno, 12 novembre);
COSTAS PLEVRIS (rappresentante dell’ESESI – 13 giugno)
con Attilio LERCARI, imputato nel MAR;
con Cristiano DE ECCHER (Avanguardia Nazionale- 21 luglio);
con Ordre Nouveau (31 agosto);
con Licio GELLI (15 ottobre);
Giorgio PISANO’ ;
Jean LE PEN;
LEROY Robert (Aginter Presse)
Tra i nomi di soggetti in forza ai Servizi Militari, annotati nell’Agenda, i seguenti:
Ten. Col. ALEMANNO;
Magg.CC Giorgio BURLANDO;
Col. Demetrio COGLIANDRO;
Generale Vito MICELI;
Col. G.B. MINERVA;
Col. Ferdinando PASTORE STOCCHI;
Maggiore PIGNATELLI Angelo.

plevris1
Vi è, inoltre, una serie cospicua di indirizzi stranieri , in particolare tedeschi, spagnoli e portoghesi, la maggior parte dei quali sono risultati esistenti, anche se è difficilmente decifrabile il rapporto tra BUZZI e i soggetti che sono risultati risiedere ai medesimi;
vi sono indicate altrettante sigle di enti stranieri, altrettanto difficilmente ricollegabili con il BUZZI. Tanto per fare qualche esempio:
Royal Aircraft Bedford (5 dicembre) era uno stabilimento del Ministero della Difesa britannico, che si occupava di ricerche in campo aeronautico;
ALTENAES KRESBATT DEUTSCHE WOHEM ZEITUNG;
BINDES NACHDICTEN DIENST;
INTERNATIONAL UERNE SCHWARZ…..etc.
Nella pagina corrispondente al 3 aprile 74, vi è l’annotazione: “Cattolica- Albergo GIADA”. Dagli atti acquisiti in copia presso il S.I.S.Mi emerge che nel marzo 1974 si tenne presso l’albergo GIADA di Cattolica una riunione di appartenenti ad Ordine Nuovo ed Avanguardia Nazionale. Trattasi, peraltro, di quella riunione svoltasi sull’Adriatico cui fa implicitamente riferimento il TRAMONTE come episodio da cui
indirettamente trasse origine la decisione di compiere una strage nel Nord Italia. Alla stessa avrebbero partecipato, tra gli altri, FALICA, MASSAGRANDE , GRAZIANI.

cauchi

Memoria pm strage di piazza della Loggia – Brescia